Forlì cade a Ravenna, secondo ko

Seconda sconfitta per Forlì, che cade nell’ultimo minuto al Pala De Andrè contro un’OraSì Ravenna protagonista di un grande match. A Ravenna va in scena un derby delicatissimo per i padroni di casa reduci dal -39 di Udine, ma anche per Forlì che – ancora priva di Donzelli – vuole cancellare la prima sconfitta stagionale.

La cornice è caldissima con gli oltre 800 forlivesi presenti ‘in partita’ già prima della palla a due. E se Hairston chiede subito aiuto al pubblico, il primo canestro lo firma dopo 2′ di gioco un De Laurentiis che conferma l’ottimo stato di forma. L’asse Johnson-Lawson porta al canestro e fallo del primo break biancorosso (2-5 dopo 3′), Laganà con 5 punti filati permette a Ravenna di mettere il naso avanti (7-5). Dopo un contatto con Cardillo si scalda Marini che mette la tripla del +5 Forlì e poi va schiacciare il contropiede del 9-16 quando il crono segna 7′ di gioco. Forlì è solida, concentrata, padrona di sè. Due triple di Giachetti consecutive infiammano il Pala De Andrè e Forlì perde improvvisamente il volante, permettendo a Ravenna di rientrare.

Le triple di Montano (3) e Jurkatamm aprono il secondo quarto come era finito il primo, con i padroni di casa che sull’onda dell’entusiasmo allungano con parziale 17-2 e si portano sul 31-24 dopo 13’20. L’antisportivo a Montano non cambia l’inerzia del match perché Marini fa 0/2 e Gandini appoggia il +8 (36-28) a 4’17 dall’intervallo. La reazione di Forlì è importante, il 6-0 biancorosso vale il 36-34 a 1’33.

Il terzo quarto si apre nel segno di Laganà: tripla e poi canestro per il + 7 Ravenna dopo 2′. Poi però la scena se la prende uno scatenato Pierpaolo Marini con 8 punti in fila per il nuovo vantaggio ospite, 47-48 dopo 25′. Forlì è di nuovo in partita e Johnson allunga il parziale 4-16 per il 47-52. Sul tentativo di rientro di Ravenna è Tommy Oxilia a decidere il quarto con due canestri in fila cui segue la palla rubata da Johnson: Forlì entra nell’ultimo parziale avanti di 6.

E’ ancora Laganà a prendersi la scena ad inizio quarto, rubando palla e poi firmando il -2 Ravenna dopo 3’30. Lawson si accende con 5 punti per il 64-69, ma è ancora una volta Oxilia a mettere i canestri più delicati compreso quello del +7 (64-71 a 3’30 dalla fine). Quando la partita sembra aver preso la direzione di San Mercuriale Forlì perde due possessi comodi e permette a Ravenna di rientrare prima e sorpassare poi: a 1’12 è Smith a firmare il 74-73. Oxilia in lunetta la rimedia ma anche Smith fa 2/2. Il tentativo di Johnson finisce sul ferro e Laganà schiaccia il +3: Forlì avrebbe 5 secondi per pareggiare ma la tripla di Lawson non centra il bersaglio.

OraSì Ravenna – Unieuro Forlì 78-75 (19-22, 38-34, 54-60)
ORASÌ RAVENNA: Tartamella ne, Hairston 6, Smith 15, Montano 16, Jurkatamm 6, Cardillo 6, Baldassi ne, Masciadri 2, Rubbini, Seck ne, Gandini 6, Laganà 21. All. Mazzon.
UNIEURO FORLÌ: Tremolada ne, Giachetti 8, Marini 15, Donzelli ne, Bonacini, Dilas, Piazza ne, Fabiani ne, Oxilia 16, Lawson 12, De Laurentiis 10, Johnson 14. All. Valli.